Warning: preg_match(): Compilation failed: invalid range in character class at offset 4 in /home/ilpesca7/public_html/wp-content/plugins/page-builder-sandwich/page_builder_sandwich/inc/simple_html_dom.php on line 1385

Warning: preg_match_all(): Compilation failed: invalid range in character class at offset 4 in /home/ilpesca7/public_html/wp-content/plugins/page-builder-sandwich/page_builder_sandwich/inc/simple_html_dom.php on line 690

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /home/ilpesca7/public_html/wp-content/plugins/page-builder-sandwich/page_builder_sandwich/inc/simple_html_dom.php on line 697

Warning: preg_match_all(): Compilation failed: invalid range in character class at offset 4 in /home/ilpesca7/public_html/wp-content/plugins/page-builder-sandwich/page_builder_sandwich/inc/simple_html_dom.php on line 690

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /home/ilpesca7/public_html/wp-content/plugins/page-builder-sandwich/page_builder_sandwich/inc/simple_html_dom.php on line 697

Warning: preg_match(): Compilation failed: invalid range in character class at offset 4 in /home/ilpesca7/public_html/wp-content/plugins/page-builder-sandwich/page_builder_sandwich/inc/simple_html_dom.php on line 1385

Warning: preg_match_all(): Compilation failed: invalid range in character class at offset 4 in /home/ilpesca7/public_html/wp-content/plugins/page-builder-sandwich/page_builder_sandwich/inc/simple_html_dom.php on line 690

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /home/ilpesca7/public_html/wp-content/plugins/page-builder-sandwich/page_builder_sandwich/inc/simple_html_dom.php on line 697

Warning: preg_match_all(): Compilation failed: invalid range in character class at offset 4 in /home/ilpesca7/public_html/wp-content/plugins/page-builder-sandwich/page_builder_sandwich/inc/simple_html_dom.php on line 690

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /home/ilpesca7/public_html/wp-content/plugins/page-builder-sandwich/page_builder_sandwich/inc/simple_html_dom.php on line 697

Warning: preg_match(): Compilation failed: invalid range in character class at offset 4 in /home/ilpesca7/public_html/wp-content/plugins/page-builder-sandwich/page_builder_sandwich/inc/simple_html_dom.php on line 1385

Warning: preg_match_all(): Compilation failed: invalid range in character class at offset 4 in /home/ilpesca7/public_html/wp-content/plugins/page-builder-sandwich/page_builder_sandwich/inc/simple_html_dom.php on line 690

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /home/ilpesca7/public_html/wp-content/plugins/page-builder-sandwich/page_builder_sandwich/inc/simple_html_dom.php on line 697

Warning: preg_match_all(): Compilation failed: invalid range in character class at offset 4 in /home/ilpesca7/public_html/wp-content/plugins/page-builder-sandwich/page_builder_sandwich/inc/simple_html_dom.php on line 690

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /home/ilpesca7/public_html/wp-content/plugins/page-builder-sandwich/page_builder_sandwich/inc/simple_html_dom.php on line 697

Warning: preg_match(): Compilation failed: invalid range in character class at offset 4 in /home/ilpesca7/public_html/wp-content/plugins/page-builder-sandwich/page_builder_sandwich/inc/simple_html_dom.php on line 1385

Warning: preg_match_all(): Compilation failed: invalid range in character class at offset 4 in /home/ilpesca7/public_html/wp-content/plugins/page-builder-sandwich/page_builder_sandwich/inc/simple_html_dom.php on line 690

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /home/ilpesca7/public_html/wp-content/plugins/page-builder-sandwich/page_builder_sandwich/inc/simple_html_dom.php on line 697

Warning: preg_match_all(): Compilation failed: invalid range in character class at offset 4 in /home/ilpesca7/public_html/wp-content/plugins/page-builder-sandwich/page_builder_sandwich/inc/simple_html_dom.php on line 690

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /home/ilpesca7/public_html/wp-content/plugins/page-builder-sandwich/page_builder_sandwich/inc/simple_html_dom.php on line 697

Don e selvaggio: emarginazione nell’Europa di corte del Cinquecento


Warning: preg_match(): Compilation failed: invalid range in character class at offset 4 in /home/ilpesca7/public_html/wp-content/plugins/page-builder-sandwich/page_builder_sandwich/inc/simple_html_dom.php on line 1385

Warning: preg_match_all(): Compilation failed: invalid range in character class at offset 4 in /home/ilpesca7/public_html/wp-content/plugins/page-builder-sandwich/page_builder_sandwich/inc/simple_html_dom.php on line 690

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /home/ilpesca7/public_html/wp-content/plugins/page-builder-sandwich/page_builder_sandwich/inc/simple_html_dom.php on line 697

Warning: preg_match_all(): Compilation failed: invalid range in character class at offset 4 in /home/ilpesca7/public_html/wp-content/plugins/page-builder-sandwich/page_builder_sandwich/inc/simple_html_dom.php on line 690

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /home/ilpesca7/public_html/wp-content/plugins/page-builder-sandwich/page_builder_sandwich/inc/simple_html_dom.php on line 697

Warning: preg_match(): Compilation failed: invalid range in character class at offset 4 in /home/ilpesca7/public_html/wp-content/plugins/page-builder-sandwich/page_builder_sandwich/inc/simple_html_dom.php on line 1385

Warning: preg_match_all(): Compilation failed: invalid range in character class at offset 4 in /home/ilpesca7/public_html/wp-content/plugins/page-builder-sandwich/page_builder_sandwich/inc/simple_html_dom.php on line 690

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /home/ilpesca7/public_html/wp-content/plugins/page-builder-sandwich/page_builder_sandwich/inc/simple_html_dom.php on line 697

Warning: preg_match_all(): Compilation failed: invalid range in character class at offset 4 in /home/ilpesca7/public_html/wp-content/plugins/page-builder-sandwich/page_builder_sandwich/inc/simple_html_dom.php on line 690

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /home/ilpesca7/public_html/wp-content/plugins/page-builder-sandwich/page_builder_sandwich/inc/simple_html_dom.php on line 697

Museo di Capodimonte – Napoli. Un quadro di Agostino Carracci ci presenta tre uomini – o presunti tali – in compagnia di alcuni animali. Realizzato a Palazzo Farnese durante il breve soggiorno romano del pittore – tra la fine del 1598 e l’inizio del 1599 – il dipinto porta un titolo singolare: Arrigo peloso, Pietro Matto, Amon nano et altre bestie. A sinistra, il nano bolognese Taddeo del Forno, detto Rodamonte. A destra, il calabrese Pietro Verderame, detto Pietro Matto. Al centro, Enrico Peloso Gonzales indossa il tamarco, costume nazionale degli indigeni delle Canarie (guanches). Enrico – mandato a Roma su richiesta del cardinale Odoardo Farnese nel 1592 – è l’unico dei tre ritratti a posare dal vivo per il Carracci.
È sicuramente elementare associare devianza o emarginazione sociale a una comitiva composta da un uomo peloso, un matto, un nano, due cani, due scimmie e un pappagallo, ma è iniziando a narrare della famiglia Gonzales che tratterò di devianza ed emarginazione – o emarginazione in un tentativo di assimilazione –  nel teatro della società di corte europea del Cinquecento.

In principio è Pedro Gonzales – padre di Enrico Peloso – un indigeno delle isole Canarie nato a Tenerife intorno al 1537. Come approda in terra europea è poco chiaro: il percorso più probabile è quello che considera uno spostamento da Tenerife alla Spagna e successivamente – nel tentativo di un trasferimento verso le Fiandre – la caduta del guanche nelle mani di corsari francesi. Poche settimane dopo la morte del re Francesco I (31 marzo 1547), il selvaggio è donato al successore al trono francese Enrico II.
Ora, mi permetto di usare il termine ‘selvaggio’ per diversi motivi e il primo di questi – singolare – riguarda l’aspetto fisico di Pedro. Così ce lo descrive Giulio Alvarotto – ambasciatore in Francia del duca di Ferrara Ercole II d’Este – in un dispaccio da Parigi datato 18 aprile 1547: ha il volto coperto di peli lunghi circa cinque dita – pressappoco nove centimetri – di colore castano chiaro, sottili e leggeri più del pelo dello zibellino, ma radi quanto basta per lasciare distinguere i lineamenti del viso. Pedro è infatti affetto da Hypertrichosis universalis congenita – più precisamente Ambras syndrome – una malattia genetica che ricopre il corpo di peli, eccetto i palmi delle mani, le piante dei piedi e le labbra. Il primo pensiero della corte francese del sedicesimo secolo alla vista del ragazzo non va sicuramente all’ipertricosi lanuginosa congenita – la malattia si inizia infatti a studiare solo nella seconda metà dell’Ottocento. Proseguendo quindi con le ragioni cui accennavo prima, è invece facile associare l’indigeno all’immagine mitica del selvaggio risalente all’antichità classica, rappresentazione della differenza tra cultura e natura, tra spazio comunitario e spazio animale. È facile perché la figura così stravagante e singolare di Pedro rientra in una tradizione iconografica del selvaggio al tempo ben definita e nota – nella quale ricadono anche gli appunti ambigui sul caso redatti dal medico e chirurgo di corte Ambroise Paré nel suo Des monstres et prodiges del 1573.
‘Pierre il selvaggio’ – così è appellato – viene istruito e impara il latino, dimostrando così la potenzialità di diventare colti anche per i primitivi. Nel 1573 sposa una francese, una certa Catherine – e qui il mito del selvaggio incrocia fatalmente quello folclorico della bella e la bestia –  dalla quale ha almeno cinque figli – Enrico Peloso è il primogenito – i primi quattro ereditano sicuramente la malattia. Dopo la morte di Caterina de’ Medici – moglie di Enrico II – nel 1589, Pedro è costretto a trovare un altro sostenitore. Dunque entra in gioco la famiglia Farnese: Alessandro – duca di Parma – prende i Gonzales sotto la propria protezione, trasferendoli in Italia. Pedro Gonzales è iscritto alla corte di Parma con il nome di Don Pietro Gonzales Selvaggio e qui mi vedo costretta ad aprire una parentesi. Prima della conquista spagnola nel 1496, l’isola di Tenerife era divisa in diversi territori e alla testa di ognuno vi era un capo chiamato nella lingua d’origine Mencey. Alcuni di questi o della loro famiglia compaiono nella documentazione spagnola con il titolo di Don. Pedro Gonzales afferma di discendere da una di queste famiglie di capi, ragione per cui mira al titolo. Tornando a noi, ecco che il tanto ambito appellativo appare nella vita di Gonzales, sì ma accompagnato dal termine ‘selvaggio’. È come dire “bene Pietro, ti accontentiamo compensando grazie a don la tua posizione di naturale inferiorità, quella di selvaggio”. Una burla.
Anche a Parma la famiglia Gonzales fatica a mantenere un profilo discreto. La figlia Antoniette è esaminata dal naturalista bolognese Ulisse Aldrovandi, il quale scrive sulla ragazza – “con la testa coperta di peli come una scimmia e il corpo glabro” – un lungo rapporto utilizzato in seguito dal medico e naturalista Bartolomeo Ambrosini per il suo Monstrorum historia del 1642. Interessante il fatto che nella catena degli esseri di Aldrovandi, dove il contadino si trova nel gradino più basso tra gli esseri umani europei e la scimmia è l’animale più vicino all’uomo, Antoniette si collocherebbe quasi al livello di quest’ultima.

Qualche appunto sul tema del selvaggio. Il mito è proiettato nel contesto extraeuropeo ancor prima della grande stagione delle scoperte geografiche ma, con il progredire di queste, l’idea del selvaggio peloso progenitore degli europei civilizzati inizia a decadere e la tendenza a relegarlo nei continenti extraeuropei è sempre più forte. Viene meno anche l’associazione del selvaggio a un corpo coperto di peli, senza comunque metterne in dubbio la condizione barbara. Ora, l’attributo di selvaggio conferito a Pedro Gonzales nel momento del suo arrivo in Francia rimanda esplicitamente al mito del selvaggio europeo, quello delle letture dell’Orlando furioso, le sauvage delle vicine foreste. Le origini canarie interferiscono comunque sin dall’inizio nella descrizione – nonostante la confusione tra le isole africane e il continente americano – in quanto sia il dispaccio di Alvarotto che l’esame del medico Giulio Cesare Scaligero lo classificano come indiano d’America, figura che combacia come si deve con l’immaginario del selvaggio e con il colore della pelle di Pietro – scuro ma non nero. In ogni caso, quando ci si rende conto che i peli di Gonzales non bastano più a classificarlo come primitivo, le sue origini extraeuropee prendono la scena. E queste radici ancorano e pesano non solo Don Pietro, ma tutti i suoi figli pelosi nati invece in Europa. Tant’è che la figlia Antoniette viene paragonata a un animale esotico come la scimmia e non a uno europeo come il cane, al quale era stato rapportato in passato il padre. Uno dei punti più dolenti è quindi quello della relazione con gli animali, punto ahimè contraddittorio e controverso, perché se da una parte sentirsi degradati al livello animale non aggrada nessuno di loro, dall’altra è questo l’aspetto che attira l’interesse dei potenti dai quali dipende la sopravvivenza della famiglia Gonzales.

Torniamo al quadro del Carracci. Enrico nasce a Parigi nel 1580 circa. Eppure si fa ritrarre con indosso un tipico indumento delle isole Canarie – il tamarco appunto – come un selvaggio. Enrico è presentato insieme ad altri esseri umani identificati –  e derisi – dalle loro devianze palesate su un piano sia fisico che mentale, accessori e esposizioni di stravaganti fenomeni naturali. Non a caso il titolo del quadro termina con et altre bestie, dove il termine ‘altre’ non indica qualcosa di differente, ma vuole ben precisare la parità degli esseri rappresentati. Il titolo propone quindi i cinque animali in aggiunta ai tre uomini, degradati allo stesso livello delle bestie. Ora, perché farsi ritrarre con indosso il tamarco, alimentando così queste congetture? Ebbene, Enrico conosce gli effetti pratici di questa scelta: presentarsi come un primitivo gli permette di usufruire dei favori del cardinale Odoardo Farnese, amante della natura, della quale Arrigo è diventato il più importante testimone. L’amore del cardinale per la natura e per il selvaggio è comunque contrassegnato da una certa ambiguità: Enrico Gonzales è amato perché degradato a un rango subumano, la dimostrazione di questo amore è attestazione e difesa della superiorità del cardinale. L’ingresso a corte per Enrico ha valore opposto a quello avuto per il padre: se per quest’ultimo è stata occasione di civilizzazione e umanizzazione, per il primo il bilancio è negativo. Allora presentarsi come un selvaggio vissuto a diretto contatto con la natura è l’unico modo per potere evadere da una corte che può solamente mortificare e opprimere l’elemento naturale. Questo il compromesso: giocando sulla relativa oscurità delle sue origini, Enrico si fa selvaggio per liberarsi di questo stesso fardello. Perché infatti, quando Enrico Gonzales riesce a evadere stabilendosi a Capodimonte sul lago di Bolsena – operando come funzionario nel castello del cardinale e dedicandosi al commercio come notabile locale – è ben accorto a precisare ogni qual volta necessario le sue origini parigine e europee. Questo nell’illusione di potersi sbarazzare del pesante immaginario che lo colpiva ogni qual volta riceveva uno sguardo – curioso, disprezzante, accusatorio – sguardo che recita pressappoco così: primitivo, selvaggio, scimmia, parassita, ladro, assassino, stupratore, tornatene a casa tua. Ah no, questa è un’altra storia.

Deborah

BIBLIOGRAFIA

Francisco Bethencourt, Razzismi. Dalle crociate al XX secolo, Bologna, Il Mulino, 2017.

Roberto Zapperi, Il selvaggio gentiluomo. L’incredibile storia di Pedro Gonzalez e dei suoi figli, Roma, Donzelli editore, 2005.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *